Skip to content
Home » Siamo il popolo della spazzatura

Siamo il popolo della spazzatura

immondizia spazzatura

Ogni giorno, nei miei continui spostamenti, vedo sulle piazzole di sosta o nelle campagne o nelle periferie dei paesi tonnellate di spazzatura abbandonate così, alla bene e meglio. I più virtuosi tra gli sporcaccioni lasciano l’immondizia abbandonata nei sacchetti di plastica – in modo da facilitarne la raccolta – mentre il resto di quei luridi, zozzi, criminali e imbecilli, abbandonano le proprie schifezze così, in bella vista, senza curarsi nemmeno di raggrupparle in un misero sacchetto.

Ed è così che mentre passeggio allegramente per le periferie mi ritrovo, tutto accatastato, bucce della frutta e componenti di vecchi PC, tubetti di cosmetici vuoti e carcasse di elettrodomestici, vecchie scarpe e bottiglie di birra.

Mi sono sempre chiesto il motivo che spinge questi dementi ad accollarsi il rischio di:

  • prendere la spazzatura
  • caricarla in macchina (a vista, senza sacchetti)
  • attendere il momento propizio
  • scaricarla nelle campagne e scappare via, come dei ladri

Quando poi sarebbe più facile raggrupparla per tipologia e fare la raccolta differenziata. Che poi la raccolta differenziata si fa pure porta a porta, quindi ci risparmi pure la benzina e non hai bisogno di spostarti da casa! E se penso che i rifiuti speciali passano a ritirarli a domicilio e ti è sufficiente prenotare il ritiro via web, comodamente seduto davanti al tuo cazzo di PC o di telefono, mi chiedo come mai sei così deficiente da non saperlo.

Tra l’altro appare assai curioso che quando pizzicano questa gente (già, perché qualche comune avveduto piazza le fototrappole in campagna e spesso becca gli sporcaccioni), poi vai a scoprire che sono gli stessi che sui social esprimono il proprio apprezzamento per la terra in cui vivono, sostenendo che è la più bella del mondo. Non sono mai riuscito a capire l’associazione tra l’apprezzare e il deturpare un territorio.

Detto ciò, il punto di quest’articolo è: siamo un popolo di spazzaturai incalliti. Abbiamo ormai insito nel nostro DNA il concetto del compra&getta, per cui appena acquistiamo qualcosa si scatena nel nostro subconscio un meccanismo per cui quella cosa, prima o poi (anzi, più prima che poi) dobbiamo gettarla via per far posto a qualcos’altro da comprare e poi gettare, e così via. Sarà ciò l’origine e l’effetto del consumismo? Non so, ma sicuramente è una causa e conseguenza del proliferare di tanti negozi di cinesi!

Le cineserie da quattro soldi

Pensiamoci un attimo. Fermiamoci a riflettere. Lo sappiamo benissimo che le cacate cinesi durano al massimo un giorno. E allora perché compriamo un cellulare che costa 80 euro e all’inserimento della SIM non funziona o una valigia che costa 13 euro e appena ci carichi 2 maglioni pesanti si spacca? Perché prendiamo quel paio di jeans che costano 8 euro e che, appena messi, ci fanno così tanta allergia che la pelle sembra mandarci affanculo? Perché compriamo quel cavetto USB a 2 euro che quando ci attacchi il telefono lo carichi solo se bestemmi la madonna e se lo tieni posizionato in diagonale mentre speri di non muoverlo manco di un millimetro, sennò non carica? Perché poi, in fondo, ci giustifichiamo dicendo: vabbè, costa poco, al massimo lo getto via?

Avete mai pensato a quanto durano oggi le lampadine alogene? Non fai in tempo ad avvitarle ad una lampada che già si fulminano. Voi penserete: vabbè, costano solo un euro. Ma sticazzi no? Un euro per 2 minuti di funzionamento non mi pare un grande investimento! E poi, ancora, perché quando vi arriva un ordine da internet prendete e buttate via la scatola? Quella scatola sarà costata al produttore – chessò – 1 euro? E il ciclo di vita di quella scatola di quanto sarà stato? E’ partita, ha fatto qualche km, è arrivata a casa vostra e voi che fate? La buttate. Lo stesso vale per la plastica della merendina o per la bottiglietta d’acqua da 0,20 litri. Voi andate a comprare una bottiglia d’acqua da 20 centilitri, la bevete in mezzo sorso, la buttate e avete già prodotto spazzatura. Ma ci rendiamo conto della follia di tutto ciò? Quando vi propinano una bottiglia d’acqua da 20 cl e voi la comprate vi rendete conto di quanto siete scemi?

Consumare subito e gettare

Ci rendiamo conto che il ciclo di vita di un sacchetto di una merendina o di una bottiglietta d’acqua è più breve del coito di un italiano medio? Per non parlare di quando andiamo al bar e chiediamo un bicchiere d’acqua. Se ce la danno nel vetro storciamo il naso, mentre nella plastica va bene. Un sorso d’acqua e – ops – abbiamo già prodotto immondizia! E una birra da 0,33 cl quanto dura? Il tempo di una chiacchiera e già è diventata spazzatura. Se penso che siamo un popolo nato dalla civiltà contadina, in cui il culto del risparmio e del riuso era insito nel DNA dei nostri nonni, mi vergogno per ciò che siamo diventati. Se penso che una volta il vetro era così prezioso da essere vuoto a rendere, mentre oggi è tutto vuoto a perdere, mi rattristo per quante risorse gettiamo via, senza accorgercene.

E quindi quotidianamente stupriamo l’ambiente in cui siamo nati e in cui mettiamo al mondo figli che – forse – sarebbe meglio non far crescere. Perché li stiamo crescendo con il culto della spazzatura, quando noi – ormai in avanzata età – siamo cresciuti con genitori e nonni che conservavano tutto, perché non si sa mai se potrà servire. Ma forse i nostri figli, un giorno, sputandoci in faccia, conserveranno quel pezzo di plastica e ci dimostreranno che tutto serve, tutto si riusa, niente è immondizia.

Me lo auguro, davvero, mi auguro che i vostri figli sputino sulla faccia vostra, sporcaccioni di merda.

Ti va di iscriverti alla Newsletter?

Iscriviti per ricevere di tanto in tanto gli ultimi articoli pubblicati.

Leggi la Privacy Policy per avere maggiori informazioni. Ci tengo alla tua privacy tanto come alla mia.

1 thought on “Siamo il popolo della spazzatura”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *